Cannabis Rock - Gli arrampicatori che vissero il nuovo mattino

Cannabis Rock - Gli arrampicatori che vissero il nuovo mattino

Il documentario narra la breve e intensissima epopea 'beat' di un gruppo di giovani arrampicatori che dal 1973 al 1975, trasferendo sulle rocce il clima irrequieto e creativo del '68, rivoluzionarono il tradizionalismo del mondo alpinistico piemontese e italiano.


Un viaggio iniziatico di una tribù di giovani ribelli che, ispirati dalle teorie di Gian Piero Motti, vissero la loro stagione alpinistica come tormento interiore, chi scoprendo lo yoga e chi la marijuana, chi rapito da estasi e chi da rabbia. Una stagione vissuta al suono delle musiche di Bob Dylan e dei Popol Vuh, con una profonda incoscienza nei confronti della vita. Le scalate diventarono delle vere esplorazioni cariche di significati simbolici e visionari, lungo vie battezzate con nomi evocativi: Cannabis, Fessura della Disperazione, Strapiombi delle Visioni, Diedro Sanchez.
 

Una produzione Zenit Arti Audiovisive
in collaborazione con Regione Piemonte, Museo Nazionale della Montagna, Montagnedoc, Fandango

Regia: Franco Fornaris

Fotografia: Paolo Rapalino
Montaggio: Marco Duretti
Produzione: Massimo Arvat
Distribuzione: Fandango

ARTICOLI CORRELATI

Non avere paura! Donne che non si sono arrese ripercorre il ruolo delle donne in Italia attraverso storie e testimonianze di alcune di loro

Joy è una giovane di seconda generazione appassionata di danza. Chiamata da un’amica a svolgere un'attività presso l’Ex Moi (un complesso di palazzine occupato da persone rifugiate e migranti) si trova a fare i conti con la propria identità e le proprie radici africane.

I pirati dello spazio narra la storia di due geniali radioamatori, i Achille e Giovanni Cordiglia che allestirono a Torino un centro di ascolto spaziale

Realizzato da: Hanz&co. e Edit Web