Array La passione di Anna Magnani - Documentari: guarda le produzioni di zenit arti audiovisive

La passione di Anna Magnani

La passione di Anna Magnani

Un ritratto intimo della grandissima attrice italiana, emblema del neo-realismo e icona del cinema mondiale: la corsa di Anna interrotta dagli spari dei nazisti in Roma Città aperta, porta alla ribalta del mondo intero le lacerazioni della guerra e diventa il simbolo di una nuova idea di cinema che scende in strada per raccontare il reale. Anna è unica, rivoluziona la rappresentazione della donna al cinema, incarnando un modello femminile diverso da tutte le dive che l’hanno preceduta e da quelle che verranno. È icona dell’italianità e della donna vera, in opposizione a quelle finte modellate sul desiderio maschile. Attraverso la sua immensa capacità attoriale “la Magnani” dà corpo al realismo delle passioni e dei sentimenti, ispirando i grandi registi del cinema europeo e americano: Roberto Rossellini, Luchino Visconti, Federico Fellini, Pier Paolo Pasolini, Jean Renoir, Sidney Lumet, Daniel Mann, George Cukor, Stanley Kramer. Hollywood, che le conferisce l’Oscar nel 1956 (l’unica attrice italiana ad averlo vinto con un film girato in lingua inglese fino ad oggi), tenterà invano di chiuderla nuovamente in uno stereotipo che non si addice alla sua esuberante e vulcanica personalità. Donna libera, madre single, profondamente legata a Roma e alla “romanità”, Anna vive con pericolosa e vitale intensità le amicizie, gli amori, le passioni, portandoli nella sua arte, incarnando uno stile unico per originalità e straordinaria modernità. Nel film l’autore dialoga con l’attrice in una conversazione immaginaria che ci guida attraverso le sue interpretazioni cinematografiche, le sue interviste, le testimonianze dei grandi personaggi che hanno incrociato la sua carriera e i ricordi del figlio Luca. Basato sull’utilizzo creativo di materiali d’archivio (tra cui alcuni provenienti dall’archivio di famiglia) il film contiene un’intervista audio inedita fatta all’attrice dalla giornalista e scrittrice Oriana Fallaci.

Pagina del film

Una produzione: Les Films du Poisson, Zenit Arti Audiovisive e Arte France

In associazione con: Istituto Luce - Cinecittà
Un film scritto e diretto da: Enrico Cerasuolo
Anno di produzione: 2019

Prodotto da: Massimo Arvat e Estelle Fialon
Montaggio: Marco Duretti
Musica originale: Cristiano Lo Mele
Fotografia: Marco Pasquini
Fonico: Angelo Marotta
Montaggio del suono e missaggio: Adrien Françoise
Correzione colore: Eric Salleron
Produttrice archivi: Ilaria Sbarigia
Direttore di produzione: Aurélia Couturier
Consulente di produzione: Francesca Portalupi
Adattamento testi: Laurent Roth
Consulente storica: Matilde Hochkofler
Grafica: Carlo Zummo - VAN design studio
Consulenza legale: Avv. Elisa Vittone - VPM Legal - Avvocati Associati Mouthuy Avocats

Con: Luca Magnani

Festival

Festival di Cannes, Francia 2019

ARTICOLI CORRELATI

4 giugno 1947, una pastorella di 7 anni, Angela Volpini, sta conducendo le mucche al pascolo, quando allÔÇÖimprovviso si sente sollevare: "Ho girato la testa e mi sono trovata dinnanzi il volto di una donna, di una bellezza mai vista..."

Il documentario narra la breve e intensissima epopea 'beat' di un gruppo di giovani arrampicatori

Il documentario ├Ę un viaggio attraverso la sperimentazione artistica di Agostino Bonalumi, il cui racconto procede in parallelo con il miracolo economico italiano degli anni sessanta; l'evoluzione tecnologica e la scoperta di nuovi materiali

Realizzato da: Hanz&co. e Edit Web