Quando Olivetti inventò il pc

Quando Olivetti inventò il pc

Nei primi anni 60, parlare di informatica voleva dire parlare di enormi calcolatori che per la maggior parte della società erano pura fantascienza. Nel 1963 l'ultimo ritrovato in campo informatico era L’IBM PDP-1 un che occupava un’intera parete, costava 100.000 dollari ed era utilizzato solamente in pochissimi laboratori specializzati.


Mentre il mondo sogna e teme l'oggetto del futuro, in un piccolo laboratorio dai vetri oscurati, negli stabilimenti Olivetti ad Ivrea, 4 progettisti brevettano la Programma 101, la macchina che la stampa americana definisce «The first desk top computer of the world». E’ l’inizio di un’era: la nostra. Ma i colossi americani non stanno di certo a guardare. IL 10 giugno 1967 La Hewlett Packard versa 900.000 dollari all'Olivetti, implicitamente riconoscendo di aver violato il brevetto della Programma 101 con il suo modello HP 9100, e ai 4 geniali inventori viene versato un dollaro simbolico per aver creato l’oggetto che ha cambiato la storia.
Quando Olivetti inventò il PC è il racconto dell’inizio della nostra era, narrato attraverso le testimonianze di chi l’ha vissuta, ed uno straordinario materiale d’archivio.
 
 

Prodotto da Zenit Arti Audiovisive in associazione con Docabout e Franti Nisi Masa.
In collaborazione con Fox International Channels Italy, Yle Teema, Sbs Australia, UR The Swedish Educational Broadcasting Company.
Con il sostegno del Programma MEDIA dell'Unione Europea e del Piemonte Doc Film Fund – Fondo Regionale per il documentario.

HD 52' col.

Regia: Alessandro Bernard e Paolo Ceretto

Scritto da: Alessandro Bernard e Paolo Ceretto
Prodotto da: Massimo Arvat
Fotografia: Paolo Rapalino
Montaggio: Marco Duretti
Musica originale: Andrea Gattico

con Giovanni De Sandre, Gastone Garziera, Elserino Piol, Gianluigi Gabetti, Mario Bellini, Bruce Sterling, Tom Boellstorff, Dag Spicer, Robert Martinelli, Federico Faggin, Gordon Bell.

ARTICOLI CORRELATI

La Suta è un documentario che ci ricorda che a Saluggia (VC) sono conservate la maggior parte delle scorie prodotte dalla stagione nucleare italiana

Io, la mia famiglia Rom e Woody Allen è la storia di una ragazza Rom che abita con i suoi in un quartiere popolare alla periferia di Torino

Una storia corale di persone le cui vite sono state cambiate dal sonno, nel documentario intervengono sull'argomento importanti scienziati

Realizzato da: Hanz&co. e Edit Web