Array Piero Manzoni and ZERO - Documentari: guarda le produzioni di zenit arti audiovisive

Piero Manzoni and ZERO

Piero Manzoni and ZERO

Uno dei protagonisti e catalizzatori di questo rivoluzionario contesto creativo internazionalmente noto come movimento ZERO, Manzoni è il precursore e messaggero itinerante di una nuova geografia delle relazioni. I suoi continui viaggi sono segnati da una nuova prospettiva transnazionale: una visione alternativa rispetto all'arte nordamericana, ma anche dissimile dall'ambiente parigino. ZERO opera secondo questa nuova geografia: viaggia attraverso Milano, Roma, Losanna, Berna, Basilea, Düsseldorf, Monaco, Francoforte, Londra, Rotterdam, Amsterdam, Anversa, Copenhagen e Zagabria. Seguendo linee e standard diversi e producendo un enorme scambio di lettere, opere, mostre, pubblicazioni, questi artisti stabiliscono una nuova creatività, così come nuovi hub e luoghi che amplificano e diffondono i loro effetti.

Prodotto da Thomas and Lisa Blumenthal

Realizzato da Zenit Arti Audiovisive

Ideazione e direzione storico artistica
Francesca Pola

In collaboration con Fondazione Piero Manzoni

Regia
Fabrizio Galatea

con
Heinz Mack
Otto Piene
Günther Uecker
Bernard Aubertin
Agostino Bonalumi
Almir Mavignier
Christian Megert
François Morellet
Henk Peeters
herman de vries

Riprese delle interviste
Edoardo Podo

La colonna sonora originale include la prima registrazione di Un ritratto sonoro degli Achrome di Piero Manzonidi Andrea Cavallari eseguito da Ciro Longobardi, pianoforte

Montaggio
Lucio Viglierchio

Musiche
Fabio Viana

Anteprima ottobre 2018 a Düsseldorf alla Kunstakademie durante le celebrazioni del Sessantennale di ZERO

ARTICOLI CORRELATI

Richie e Schoolboy sono due giovani gangster cresciuti nelle township vicino Città del Capo il documentario esplora la realtà delle gang in Sud Africa

Cultural-Shock è un progetto crossmediale di intrattenimento educativo per dar voce ai giovani esplorando il tema della seconda generazione

Joy è una giovane di seconda generazione appassionata di danza. Chiamata da un’amica a svolgere un'attività presso l’Ex Moi (un complesso di palazzine occupato da persone rifugiate e migranti) si trova a fare i conti con la propria identità e le proprie radici africane.

Realizzato da: Hanz&co. e Edit Web