Array Sa Femina Accabadora - Documentari: guarda le produzioni di zenit arti audiovisive

Sa Femina Accabadora

Sa Femina Accabadora

La femina accabadora era una donna che che fino agli anni 60 in Sardegna ha praticato un'antica forma di eutanasia: un atto pietoso nei confronti del moribondo ma anche una sorta di regolatore sociale, a bilanciare il rapporto tra vivi e morti, come raccontano i nostri protagonisti, testimoni oculari delle gesta delle dame della buona morte. Insieme a loro ci immergiamo nella cultura sarda, in un contesto in cui il rapporto con la morte è naturale come la vita stessa. Attraversando i paesaggi solari della Sardegna, il film illumina le zone d’ombra di una cultura millenaria, che vive ancora nel presente dei testimoni e delle storie che ci riportano agli eterni interrogativi sulla morte.

“Ho incontrato l'accabadora per caso, in una giornata di pioggia in Gallura, non si poteva andare in spiaggia e il museo della Femina Accabadora di Luras stava a pochi chilometri. Mi è parsa da subito una storia incredibile, bizzarra, paradossale, perfetta per farci un documentario. Di voce in voce, di contatto in contatto, ho trovato qualcuno che fosse disponibile a raccontare, a testimoniare, qualcuno che aveva visto le accabadoras, qualcuno che le aveva conosciute. Io grazie a queste testimonianze sto maturando nuove convinzioni, nuovi punti di vista, che non si risolvono nell'essere favorevoli o contrari all'eutanasia, comprendono qualcosa di più, un modo diverso di affrontare la vita e la morte, modi che vengono dalla Sardegna, dalla sua cultura e dalle sue tradizioni millenarie. È questo che spero riesca a percepire chi guarderà il film”

Pagina del film

Con: Piero Bardanzellu, Anna Carta, Don Francesco Mariani, Gian Paolo Mele, Giuseppe Maria Saba, Dolores Turchi, Donatella Turri

Regia: Fabrizio Galatea
Direttore della fotografia: Claudio Marceddu
Montaggio: Andrea Lotta
Musiche : Fabio Viana, Gian Paolo Mele , Coro di Nuoro
Direttore di produzione: Marco Cabitza
Direttore della fotografia seconda unità: Corrado Serri, Lucio Viglierchio
Suono in presa diretta: Biagio Gurrieri, Federico Sirocchi, Mirco Fincato
Line Producer: Francesca Portalupi
Post Produzione audio: Stefano Guzzetti

Prodotto da Massimo Arvat per ZENIT ARTI AUDIOVISIVE, con il sostegno di Regione Autonoma della Sardegna, Fondazione Sardegna Film Commission, Piemonte Doc Film Fund – Fondo Regionale per il documentario, ISRE. Film riconosciuto di interesse culturale con il contributo del MIBACT

Festivals
Visioni dal mondo, immagini dalla realtà, 2018, Milano
gLocal Film Festival, 2019, Torino
Festival Cine Indipendiente San Antonio, 2019, Ecuador
Ethnografilm, 2019, Paris
IsReal Festival, 2019, Nuoro
Etnofilmfest, 2019, Monselice
Ischia Film Festival, 2019, Ischia
Civita Cinema, 2019, Bagnoregio (VT)
Whakapapa Film Festival, 2019, Irsina (MT)
Collinarea Festival, 2019, Lari (PI)

ARTICOLI CORRELATI

Non avere paura! Donne che non si sono arrese ripercorre il ruolo delle donne in Italia attraverso storie e testimonianze di alcune di loro

4 giugno 1947, una pastorella di 7 anni, Angela Volpini, sta conducendo le mucche al pascolo, quando all’improvviso si sente sollevare: "Ho girato la testa e mi sono trovata dinnanzi il volto di una donna, di una bellezza mai vista..."

Il documentario narra la breve e intensissima epopea 'beat' di un gruppo di giovani arrampicatori

Realizzato da: Hanz&co. e Edit Web