Agostino Bonalumi

Agostino Bonalumi

Il documentario è un viaggio attraverso la sperimentazione artistica di Agostino Bonalumi, il cui racconto procede in parallelo con il miracolo economico italiano degli anni sessanta; l'evoluzione tecnologica e la scoperta di nuovi materiali di largo consumo (la plastica, la gomma, i metalli) entrati a far parte dell'uso domestico; la Milano di Brera, Lucio Fontana e Piero Manzoni che aveva come centro di ritrovo il mitico bar Giamaica; il successo popolare della Triennale e lo sconfinamento della pittura nell'architettura, nel design, nella scultura, nel teatro; l'avventura degli artisti italiani a New York e il rapporto con le sperimentazioni europee e statunitensi.

Archivio Bonalumi
Zenit Arti Audiovisive

Regia - Fabrizio Galatea

Direzione storico-artistica - Francesca Pola

Fotografia - Paolo Rapalino

Montaggio - Lucio Viglierchio

Direttore di produzione - Francesca Portalupi

Musiche - Fabio Viana

Speaker - Oliviero Cappellini

Suono - Fabio Coggiola

Macchinista - Marco Piretto

con
Agostino Bonalumi, Fabrizio Bonalumi, Pierenrico Bonalumi, Nanni Balestrini, Luca Massimo Barbero, Fernanda Bonino, Luciano Caramel, Gillo Dorfles, Uliano Lucas, Davide Mazzoleni, Gabriele Oriali, Franca Scheggi, Arturo Schwarz, Tommaso Trini Castelli

ARTICOLI CORRELATI

Richie e Schoolboy sono due giovani gangster cresciuti nelle township vicino CittĂ  del Capo il documentario esplora la realtĂ  delle gang in Sud Africa

La partita infinita racconta l'esperienza di alcuni utenti dei Servizi di Salute Mentale e della creazione nel progetto “Matti per il calcio”

Joy è una giovane di seconda generazione appassionata di danza. Chiamata da un’amica a svolgere un'attività presso l’Ex Moi (un complesso di palazzine occupato da persone rifugiate e migranti) si trova a fare i conti con la propria identità e le proprie radici africane.

Realizzato da: Hanz&co. e Edit Web