Cantiere del 900

Cantiere del 900

Il percorso multimediale è uno strumento di arricchimento di esperienza che si offre al visitatore in parallelo al museo Cantiere del ’900 – Gallerie d'Italia, Piazza Scala, Opere dalle Collezione Intesa Sanpaolo. 


I contenuti sono organizzati in un percorso fruibile lungo il tracciato espositivo: contributi audiovisivi realizzati ad hoc, materiali filmati di repertorio, migliaia di immagini di approfondimento consultabili attraverso schermi interattivi touch screen.

Il filmato introduttivo presenta la mission di Gallerie d’Italia, il complesso dei percorsi espositivi di Piazza Scala dedicati alle collezioni artistiche di ’800 e ’900, le motivazioni istituzionali che hanno portato alla loro costituzione.

Realtà aumentata (dedicata a Lucio Fontana): attraverso questo esperimento di realtà aumentata è possibile accedere, attraverso uno smart phone o un tablet, ad alcuni contenuti speciali dedicati a Lucio Fontana.

Sale multimediali: le due sale dedicate alla fruizione multimediale sono collocate all’inizio e alla fine del percorso: il visitatore può consultare da seduto gli schermi interattivi touch screen che racchiudono il complesso dei contenuti multimediali, organizzati in una mappa del percorso della mostra.

Postazioni touch screen che contengono un’estesa documentazione sull’arte informale e sulla sala di approfondimento tematico dedicata a Il colore come forma plastica.

Touch screen Emilio Isgrò, L’ora italiana: in questo touch è possibile accedere a un’estesa documentazione: una serie di immagini dell’artista al lavoro, il catalogo integrale dell’esposizione in cui l’opera fu presentata per la prima volta a Bologna.

Emilio Isgrò, L’ora italiana: video nel quale Emilio Isgrò parla del suo lavoro e delle motivazioni sottese all'opera L’ora italiana. Isgrò fa riferimento al valore civile di questa opera, concepita in rapporto alle tragiche vicende della storia italiana recente, di cui la strage di Bologna del 2 agosto 1982 è il momento topico, immortalato all’esterno della stazione da un orologio fermo a segnarne l’ora.

Gli anni ’60: segni, parole narrazioni - Gli anni ’60: le cose, le immagini:  in questa postazione touch screen è possibile consultare una estesa documentazione iconografica e testuale che approfondisce il decennio cruciale degli anni Sessanta.
Pratiche concettuali - Ipotesi costruttive - Prospettive di fine ’900: in questo touch screen interattivo sono presentati gli approfondimenti relativi alle ultime tre sezioni del percorso espositivo.

Regia - Fabrizio Galatea

Ricerca e supervisione storico-artistica - Francesca Pola
Riprese - Paolo Rapalino
Montaggio - Lucio Viglierchio
Videografica - Marco Fantozzi, Isabela Doriana Giurgiu
Programmazione - Fabrizio Bonaga, Gabriel Joffe
Musica - Fabio Coggiola

Realizzato da: Hanz&co. e Edit Web